ANSIA ED INSONNIA

Tra le patologie psichiatriche, i disturbi d’ansia costituiscono quelli a maggior prevalenza.

Cos’è l’ansia?

L’ansia è qualcosa di “indeterminato”, uno stato d’animo che si manifesta in previsione di nuovi eventi, ritenuti negativi, ma può comparire anche senza che via sia una reale ragione effettiva.

L’ansia si ripercuote sulla vita quotidiana talvolta in modo non trascurabile.

I sintomi comprendono:

sintomi generali, rappresentati da tensione emotiva, paura, paura di perdere il controllo, apprensione, incapacità di rilassarsi

sintomi psicologici, comprendono irritabilità, difficoltà di concentrazione, tendenza a pensieri negativi

sintomi neurovegetativi, si manifestano con battito cardiaco accelerato o irregolare, dispnea o iperpnea, dolore toracico, vertigini, mancanza di equilibrio, svenimento imminente, senso di debolezza, difficoltà di deglutizione, vampate di calore, tremori, minzione frequente, diarrea

TRATTAMENTO FARMACOLOGICO

Le benzodiazepine (lorazepam, alprazolam, diazepam, ecc) sono le più utilizzate, ma di recente

nella cura a lungo termine vengono utilizzati antidepressivi quali gli inibitori selettivi della

ricaptazione della serotonina (SSRI) o gli inibitori della serotonina e della noradrenalina (SNRI).

Per quanto riguarda l’insonnia, invece, si utilizzano le benzodiazepine a breve durata d’azione.

FITOTERAPIA NELL’ANSIA E NELL’INSONNIA

Vi sono più di un centinaio di piante per tale utilizzo.

Le piante più utilizzate sono: camomilla, valeriana, passiflora, luppolo, kava,

lavanda, escoltzia, melissa.

Altra pianta interessante è la Withania somnifera, una pianta indiana che ha dimostrato effetti

benefici contro i sintomi legati allo stress.

È bene non utilizzare questi preparati se si è già in terapia con farmaci ad attività centrale, a causa di

possibili interazioni.

Non assumere prima di mettersi alla guida e non bere alcolici.

La durata del trattamento non dovrebbe superare i due mesi senza attento monitoraggio.

OLI ESSENZIALI

Io trovo molto interessante l’impiego di oli essenziali.

Uno di questi è l’o.e. di Maggiorana, originaria dell’Africa settentrionale e dell’Egitto.

Il suo o.e. è estratto dai fiori e presenta un odore molto dolce e distensivo.

Molteplici sono i suoi ambiti di intervento nel caso di ansia ed insonnia:

  • favorisce un sonno naturale
  • riduce l’irritabilità
  • combatte stress, ansia e riduce la pressione arteriosa
  • contrasta la tachicardia
  • efficace contro gli sbalzi d’umore

Attenzione a non confonderlo con la Maggiorana di Spagna, che è in realtà un timo irritante!

Per favorire il sonno potete provare a massaggiare una goccia sul plesso solare (regione addominale compresa tra l’ombelico e lo stomaco) prima di coricarvi.

Per palpitazioni, ipertensione, ansia se ne può mettere una goccia su un batuffolo di cotone da inalare.

CONDIVIDI

Share on facebook
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on whatsapp
Share on print
Share on email
Torna su