NEUROCOSMESI

NEUROCOSMESI

La cute è un organo sensoriale riccamente innervato ed essa, il sistema nervoso e quello immunitario sono integrati in un sistema unico che potremmo chiamare il sistema neuro-immuno-cutaneo.

Il sistema nervoso è coinvolto nel mantenimento dell’omeostasi cutanea e nelle patologie dermatologiche questo equilibrio viene meno. Si aprono così nuovi campi di ricerca: neuro-dermatologia e neuro-cosmesi.

Molte emozioni come la felicità e la paura si manifestano a livello cutaneo dando origine a fenomeni quali la pelle d’oca, la sudorazione, il rossore.

Proprio circa l’importanza ed il ruolo delle terminazioni nervose a livello cutaneo è possibile leggere un articolo del Professor Laurent Misery, docente di Dermatologia all’Università di Brest “Les nerfs à fleur de peau”, ovvero “i nervi a fior di pelle”.

Fu Misery che nel 2000 battezzò i Neurocosmetici da lui definiti come “prodotti da applicare sulla pelle che dovrebbero modulare il funzionamento del sistema neuro-immuno-endocrino cutaneo a livello epidermico”. Questi prodotti vengono più comunemente descritti come “cosmetici della felicità”.

Come agiscono i Neurocosmetici? E qual è l’obiettivo della Neurocosmesi?

Sono prodotti che esplicano la loro attività sul sistema nervoso cutaneo grazie a sostanze funzionali in grado di indurre il rilascio di neuromediatori che evocano sensazioni di benessere (serotonina, ossitocina, dopamina), attraverso profumazioni avvolgenti, colori ammalianti e texture gradevole.

Dunque l’obiettivo della Neurocomesi è quello di attivare le vie biochimiche che generano un segnale di benessere.

Quali sono gli ingredienti utilizzati nella Neurocosmesi?

Vediamone alcuni.

Oli essenziali. Fondamentali nell’aromaterapia grazie alle loro caratteristiche profumazioni, hanno anche numerevoli proprietà benefiche a livello cutaneo e vengono così utilizzati anche nella Neurocosmesi.

Peptidi biomimetici. Piccole sequenze di aminoacidi creati in laboratorio che mimano i ruoli biologici dei peptidi fisiologici, legandosi in modo specifico ai recettori delle cellule che regolano determinati processi biologici.

Ogni peptide ha la sua funzione che può essere stimolante, miorilassante, ridensificante, riparatrice, schiarente, ecc.

Alcuni esempi sono:

palmitoyl pentapeptide-3 che stimola la produzione di collagene, elastina e glicosaminoglicani.

palmitoyl tetrapeptide-7 stimola la produzione di acido ialuronico e di collagene

trifluoroacetyl tripeptide-2 inibisce la Progerina, una proteina responsabile dell’invecchiamento agendo anche sulla profondità delle rughe già esistenti

acetyl hexapeptide-8 nota con il nome commerciale di Argireline ad azione “botox-like”

Elementi anti-stress. Inquinamento, radiazioni UV, luce blu, sonno insufficiente, social media, preoccupazioni, elevato numero di ore lavorative sono fonti di stress. Se l’esposizione allo stress è prolungata, i livelli di cortisolo (ormone dello stress) rimarranno elevati causando una serie di conseguenze dannose come l’accelerazione dei processi d’invecchiamento, l’aumento della perdita di acqua transdermica (TEWL) a causa della ridotta produzione di acido ialuronico e la diminuzione della funzionalità della skin barrier.

I Neurocosmetici possono intervenire contrastando la risposta indotta dallo stress cutaneo utilizzando per esempio estratti vegetali contenti sostanze in grado di legarsi ai recettori delle beta endorfine per promuovere il benessere cutaneo.

Altri aspetti di fondamentale importanza nella Neurocosmesi sono:

texture. Fondamentale la scelta degli ingredienti reologici da inserire nella formulazione e degli emulsionanti per ottenere un risultato che sia soddisfacente sia dal punto di vista della penetrazione cutanea degli ingredienti funzionali che della consistenza sensorialmente appagante.

Green oriented. I consumatori sono sempre più attenti alle tematiche “green”, quindi la Neurocosmesi include estratti vegetali, marini e fito-estratti provenienti da scarti della filiera agro-alimentare.

Salvo particolari problematiche o allergie, la Neurocosmesi può prendersi cura di tutti i tipi di pelle ed è un settore così interessante che la ricerca continua per trovare nuovi ingredienti e dar vita a nuove formulazioni.

CONDIVIDI

Share on facebook
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on whatsapp
Share on print
Share on email
Torna su